home / Archivio / Fascicolo 2 - 2018


Fascicolo 2 31/12/2018

leggi fascicolo indice fascicolo
Nelle indagini bancarie non è consentita all'ufficio l'applicazione retroattiva ad annualità antecedenti il periodo d'imposta 2005

Nota a Cass., sent. 28 giugno 2018, n. 17158 La natura sostanziale dall’art. 32, comma 1, n. 2, D.P.R. n. 600/1973, come modificato dalla L. n. 311/2004 non consente l’applicabilità retroattiva ad annualità precedenti alla sua entrata in vigore a decorrere dal 1° gennaio 2005 del meccanismo presuntivo che consente di recuperare a tassazione le movimentazioni ...

Le giustificazioni portate dal contribuente nel contraddittorio scaturente dal mero scostamento da 'studi di settore' obbligano l´Ufficio ad una motivazione 'rafforzata'

Nota a Cass., sent. 14 novembre 2018, n. 29323 Nel contraddittorio con l’ufficio al quale il contribuente abbia partecipato allegando deduzioni difensive, si impone all’Ufficio un onere motivazionale aggiuntivo consistente in una puntuale replica di quelle argomentazioni fino a confutarne la fondatezza indicando, altresì, le ragioni per cui si è preferito disattenderle ...

La notificazione di atti impositivi nei confronti di società cancellata dal registro delle imprese....

Nota a Cass. civ., sez. VI, sent. 20 dicembre 2018, n. 33087 Il contributo critica l’orientamento della Cassazione per cui gli ex-soci avrebbero legittimazione processuale ad impugnare “in proprio” l’atto intestato alla società cancellata dal registro delle imprese, con salvezza del processo da essi instaurato.

Anche la cartella di pagamento recante una pretesa a titolo di interessi deve essere adeguatamente motivata

Nota a Cass., ord. 4 dicembre 2018, n. 31270 La cartella di pagamento, qualora non preceduta da un atto di accertamento, deve essere motivata, a pena di nullità, in maniera congrua, sufficiente ed intellegibile.

Intervento adesivo dipendente: la corte di cassazione ci ripensa

Nota a Cass., ord. 23 novembre 2018, n. 30371 La sezione tributaria della Corte di Cassazione ritorna sui suoi passi ed esclude l’am­missibilità dell’intervento adesivo dipendente e, più in generale, della partecipazione al processo di soggetti che non siano parti del rapporto tributario.
Sanzioni e contenzioso

Contribuente vittima del professionista 'di fiducia' e causa di non punibilità 'per fatto del terzo'

Nota a Cass., ord. 7 novembre 2018, n. 28359 L’esimente di cui all’art. 6, 3° comma, del d.lgs. n. 472 del 1997 impone, da un lato, un coordinamento razionale col principio generale di colpevolezza di cui all’art. 5, 1° comma, e, dall’altro lato, l’esclusiva violazione di obblighi non formali, consistenti nel mancato pagamento del tributo.
Sanzioni e contenzioso

L'opzione per il consolidato fiscale non è mai elusiva

L’opzione per il regime del consolidato fiscale risponde ad una logica “fisiologica”. Infatti, nel momento in cui il legislatore consente di scegliere tra diversi regimi fiscali opzionali, gli eventuali vantaggi ottenuti non possono essere etichettati come indebiti. Il consolidato fiscale, dunque, non si pone, ex se, in contrasto con le disposizioni antielusive.
IRES

Il principio di inerenza nell''innovativo' orientamento della giurisprudenza di legittimità

Nota a Cass., sent. 13 dicembre 2018, n. 32254 Il principio di inerenza nell’“innovativo” orientamento della giurisprudenza di legittimità. In linea con i più recenti indirizzi giurisprudenziali si è concluso che l’inerenza deve esprimere la necessità di riferire i costi sostenuti all’esercizio imprenditoriale. La Corte di Cassazione ...
IRES

Impugnazione della risposta negativa all'interpello per la disapplicazione della disciplina delle società di comodo...

Nota a CTR Calabria, sent. 26 luglio 2018, n. 3137 Per ragioni di economia processuale e di ragionevolezza nella regolamentazione dei rapporti tra contribuente e ufficio fiscale non può essere considerata obbligatoria l’impu­gna­zione della risposta negativa all’interpello disapplicativo. Si tratta di una ipotesi di tutela differita che verrà esercitata con la ...
IRES

Comportamento antieconomico come fatto sintomatico di evasione fiscale. ...

Nota a Cass., sent. 30 ottobre 2018, n. 27550 Il comportamento antieconomico consente al giudice di riqualificare la pretesa impositiva facendogli però travalicare i limiti della funzione giurisdizionale.
IRES

Inerenza: quando il comportamento antieconomico diventa fatto sintomatico di abuso del diritto

Nota a CTR Lazio, sent. 12 novembre 2018, n. 7770 Il comportamento antieconomico posto in essere dal contribuente può essere ricondotto all’abuso del diritto quando vi siano ulteriori elementi che possano ricondurre a disconoscere il costo dall’ambito dell’attività d’impresa.
IRES

Società tra avvocati. Reddito di impresa o reddito di lavoro autonomo?

Commento a Agenzia Entrate, Ris. 7 maggio 2018, n. 35 Con la risoluzione n. 35 del 7 maggio 2018 l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto applicabile alle società tra avvocati di cui all’art. 4 bis della L. 247/2012 la disciplina legale del modello societario prescelto. Conseguentemente anche alle società tra avvocati si applica la disciplina prevista dagli art. 6, ...
IRPEF

Iscrizione anagrafica, presunzione di residenza fiscale e difesa del contribuente

Nota a Cass., ord. 25 giugno 2018, n. 16634 e Risposta ad Interpello 4 ottobre 2018, n. 25 La residenza fiscale, nell’imposizione sui redditi delle persone fisiche, è un criterio per differenziare la tassazione in base alla diversa intensità del legame di appartenenza del soggetto passivo alla sfera di sovranità dello Stato impositore. La interpretazione dei criteri ...
IRPEF

Criteri di imputazione temporale dei canoni di locazione percepiti dal contribuente

Nota a Cass., ord. 11 maggio 2018, n. 11556 Criteri di imputazione temporale dei canoni di locazione percepiti dal contribuente. I canoni di locazione devono essere inclusi nella determinazione del reddito d’impresa in applicazione del principio di competenza. Essi devono, quindi, ritenersi conseguiti alla data di maturazione del corrispettivo, sebbene quest’ultimo, poi, non sia ...
IRPEF

L'ampio ambito applicativo del regime di esenzione Iva per le attività didattiche, educative e di formazione

Nota a Cass., sent. 1° giugno 2018, n. 14124 Le attività didattiche, educative e di formazione sono soggette al regime di esenzione Iva a prescindere dalla fonte di finanziamento del prestatore di servizi. Tale regime, infatti, si applica anche alle società che non godono di alcun finanziamento pubblico.
IVA

Detraibile l'IVA sui lavori di ristrutturazione di un immobile di proprietà di terzi purché l'immobile sia strumentale all'attività d'impresa

Nota a Cass., sent. 22 novembre 2018, n 30218 Il diritto alla detrazione dell’Iva per lavori di ristrutturazione o manutenzione spetta purché sia presente un nesso di strumentalità con l’attività di impresa o professionale e può dunque prescindere dalla titolarità del diritto di proprietà.
IVA

Imprese culturali e creative, tra 'panculturalismo', coperture finanziarie e attendismo attuativo

Il legislatore ha creato la nuova “etichetta” di ICC (impresa culturale e creativa), con una contraddizione di fondo: una consistente latitudine applicativa che stride con le limitate coperture finanziarie. L’istituto, incentivato da una fiscalità promozionale, nasce, quindi, claudicante, anche per notevoli incertezze applicative e un perdurante attendismo attuativo.
Agevolazioni

Incostituzionali le leggi regionali che impongono il pagamento del contributo consortile di bonifica indipendentemente dal beneficio fondiario

Nota a Corte cost., sent. 19 ottobre 2018, n. 188 La pronuncia della Corte costituzionale sancisce la debenza del contributo consortile di bonifica solo in presenza del beneficio fondiario goduto dal contribuente. Il contributo, dunque, può essere richiesto tenendo conto della specifica utilità conseguita dal consorziato per effetto delle opere realizzate nel comprensorio di ...
Principi generali e fonti


  • Giappichelli Social