cian

home / Archivio / Fascicolo / La cassazione torna ancora sull´esterovestizione (nota a)

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


La cassazione torna ancora sull´esterovestizione (nota a)

Domenico Antonio Multari, Avvocato, LLM (Tax) Alma Mater Studiorum, Università di Bologna e Queen Mary, University of London.

La Corte di Cassazione torna a pronunciarsi in materia di esterovestizione; in particolare viene esaminato il caso di una società con sede legale in Olanda la cui sede di direzione effettiva è risultata essere in Italia, che, in ragione di ciò è stata ritenuta essere ivi fiscalmente residente sulla base della convenzione tra Italia ed Olanda per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio e per prevenire l’evasione fiscale e dell’art. 73, comma 3, TUIR.

The court of cassation once again deals with the case of a company with registered office abroad found to be tax resident in italy (note on)

This judgment deals with the case of a company with registered office in the Netherlands claiming to be tax resident in that country but found to be tax resident in Italy in the light of the provisions laid down by the double taxation convention between Italy and the Netherlands and Article 73 (3) of the Italian Income Tax Act.

Corte di Cassazione, 21 giugno 2019, n. 16697

  1. La Corte di Cassazione, con la sentenza in commento, si pronuncia, per quanto qui di interesse, ancora una volta sul tema dell’esterovestizione societaria. La vicenda, secondo ciò che risulta dalla sentenza de qua, trae origine da una contestazione di omessa presentazione delle dichiarazioni a fini IRPEG, IRAP ed IVA, per gli anni d’imposta 1999-2002, mossa dall’Agenzia delle Entrate a società aventi sede legale in Olanda, ma ritenute fiscalmente residenti in Italia per ivi avere la propria sede amministrativa. Sia i Giudici di primo grado che d’appello condividevano la tesi dell’Agenzia; la Suprema Corte, dichiarato estinto il giudizio con riguardo alle posizioni di alcuni ricorrenti per intervenuta definizione agevolata della vertenza con correlata rinunzia al ricorso, confermava, come illustrato nel prosieguo, la legittimità della pronuncia della CTR ritenendo correttamente applicate le norme sulla residenza delle società in relazione alla presente fattispecie che, secondo i Supremi Giudici, “va ricondotta alla cd.esterovestizione”.
  2. Al riguardo, la Corte ribadisce – rifacendosi a proprie precedenti pronunce [Cass., sez. V, 7 febbraio 2013, n. 2869 e la recente Cass., sez. V, 21 dicembre 2018, n. 33234] – che per esterovestizione si intende “la fittizia localizzazione della residenza fiscale di una società all’estero, in particolare in un Paese con un trattamento fiscale più vantaggioso di quello nazionale” [di recente, per una lettura ampia del concetto di costruzione artificiosa si vedano Cass. pen., sez. III, 6 marzo 2020, n. 9090 e Cass. pen., sez. III, 16 marzo 2020, n.10098; in tale ultima pronuncia la Suprema Corte afferma che “possono rientrare nel comune fenomeno della [continua ..]

    » Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social