manuale_insolvenza

home / Ultimissime / Sanzioni e contenzioso / Giurisprudenza / “Emendatio libelli” ..

03/08/2022
“Emendatio libelli” nell’appello tributario o mere questioni di “onere della prova”?


argomento: Sanzioni e contenzioso - Giurisprudenza

La Suprema Corte di Cassazione con le due pronunce in commento ha ribadito un orientamento secondo cui la puntuale specificazione in grado di appello delle difese proposte dal contribuente in modo più ampio in primo grado, non costituisce una domanda nuova inammissibile, ma una emendatio libelli consentita anche in assenza di una tempestiva contestazione delle avverse difese in primo grado e senza necessità di presentare una memoria ex art. 24 D.gs. n. 546/1992. Le due ordinanze in commento, quindi, pur riguardando fattispecie sostanziali del tutto diverse, sono conformi sul piano processuale rappresentando due interessanti precedenti, utili a comprendere la distinzione tra ius variandi e l’onere della prova.

» visualizza: il documento (Cass., ord. 20 ottobre 2021, n. 29061 e Cass. ord. 25 maggio 2021, n. 14285) scarica file

Articoli Correlati: mutatio libelli - emendatio libelli - onere della prova


COMMENTO

di Francesco Odoardi

La prima ordinanza in commento, la n. 29061 pronunciata il 12 maggio e depositata il successivo 20 ottobre 2021, riguardava un originario ricorso avverso un avviso di accertamento con cui l’Agenzia delle Entrate recuperava un maggior reddito di impresa ed una maggiore IRAP a fronte del [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio



indietro