home / Ultimissime / Sanzioni e contenzioso / Legislazione e prassi / Il perimetro di applicazione ..

02/04/2021
Il perimetro di applicazione del reato di autoriciclaggio e la clausola di non punibilitÓ


argomento: Sanzioni e contenzioso - Legislazione e prassi

I caratteri salienti del fatto tipico del reato di autoriciclaggio, ex art. 648 ter1 c.p., emergono solamente da una lettura congiunta delle condotte rilevanti (impiego, sostituzione e trasferimento del denaro, dei beni o delle utilità provenienti da reato) e dei due ulteriori elementi volti a specificare le modalità della condotta: da un lato, la destinazione “in attività economiche, finanziarie, imprenditoriali, speculative” delle utilità oggetto di autoriciclaggio, dall’altro, il concreto ostacolo alla ricostruzione del paper trail. La definizione del perimetro di applicazione del reato di autoriciclaggio non si esaurisce con le previsioni di cui al comma primo, dovendosi tenere conto delle esimenti del quarto comma. Muovendo dall’analisi di quest’ultima previsione, l’obiettivo è quello di superare le incertezze ermeneutiche derivanti dalla formulazione per determinare la portata della fattispecie penale di autoriciclaggio, in particolare quand’essa si realizzi all’interno di un ente collettivo.

PAROLE CHIAVE: autoriciclaggio - reato fiscale - cause di non punibilitÓ


COMMENTO

di Alessandra Interdonato

A completamento del fatto tipico punibile, il comma 4 dell’art. 648 ter1 c.p. esime il soggetto dalla responsabilità penale per autoriciclaggio quando “il denaro, i beni o le altre utilità vengono destinate alla mera utilizzazione o al godimento personale”. Si [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio



indietro

  • Giappichelli Social