mandrioli-M

home / Archivio / Fascicolo / Ammessa la cumulabilità dei benefici fiscali IMU su immobili ‘vincolati´ e inagibili

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Ammessa la cumulabilità dei benefici fiscali IMU su immobili ‘vincolati´ e inagibili

Lucrezia Valentina Caramia, Dottoranda di ricerca in Diritto tributario, Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”

La Corte di Cassazione ammette la cumulabilità delle agevolazioni fiscali IMU previste per i fabbricati di interesse storico o artistico con quelle relative agli immobili dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati.

Parole chiave: tributi locali; agevolazioni; immobili.

Allowed the cumulation of municipal tax breaks on unusable and bound properties

The Supreme Court, in the field of local municipal tax, allows the possibility to accumulate tax benefits for buildings of historical or artistic interest and declared uninhabitable or condemned and actually unused, too.

Keywords: local taxes; tax benefits; real estate.

Cassazione, 8 luglio 2020, n. 14279

1. La sentenza in commento affronta il controverso tema della cumulabilità delle agevolazioni fiscali previste per i fabbricati di interesse storico o artistico e anche inagibili, nell’ambito dell’Imposta Municipale Propria (IMU). La controversia ha ad oggetto una rettifica IMU che promana dall’indisponi­bilità dell’ente impositore a riconoscere la cumulabilità di due distinte agevolazioni, pur invocate dal ricorrente, entrambe previste dall’art. 13, comma 3, del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201. Si tratta della riduzione al 50% della base imponibile del tributo riferita ai fabbricati di interesse storico o artistico (lett. a) e di quella, differente, stabilita nella medesima misura per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono dette condizioni (lett. b).

In entrambi i gradi di giudizio i giudici hanno ritenuto le agevolazioni in contestazione non cumulabili, sul presupposto delle finalità analoghe asseritamente perseguite da entrambe le norme e della loro natura eccezionale. Di converso, la Corte, con la pronuncia in epigrafe, ha accolto la censura del ricorrente riconoscendo la cumulabilità delle agevolazioni de quibus sulla scorta di una “differente finalità perseguita”.

2. Le agevolazioni fiscali, rammenta in motivazione la Corte, in genere costituiscono una deviazione dalla tassazione ordinaria e, più precisamente, si traducono in “deroghe, favorevoli per il contribuente, alle regole di determinazione e applicazione dei tributi”, molto spesso finalizzate a modulare il prelievo sull’effettivo e concreto concorso alle spese pubbliche [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio