home / Archivio / Fascicolo / Le giustificazioni portate dal contribuente nel contraddittorio scaturente dal mero scostamento da ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Le giustificazioni portate dal contribuente nel contraddittorio scaturente dal mero scostamento da 'studi di settore' obbligano l´Ufficio ad una motivazione 'rafforzata'

Giuseppe Scanu, Professore a contratto di Diritto Tributario, Università di Sassari.

Nota a Cass., sent. 14 novembre 2018, n. 29323

Nel contraddittorio con l’ufficio al quale il contribuente abbia partecipato allegando deduzioni difensive, si impone all’Ufficio un onere motivazionale aggiuntivo consistente in una puntuale replica di quelle argomentazioni fino a confutarne la fondatezza indicando, altresì, le ragioni per cui si è preferito disattenderle e ciò al di là di formule stereotipate e prive di contenuto.

PAROLE CHIAVE: accertamento - studi di settore - motivazione

In the contradictory with the financial administration, the defensive deductions presented by the tax payer oblige the administration to a punctual replication of those arguments, also indicating the reasons why it was preferred to disregard them.

1. Con la sentenza in rassegna (cfr. Cass., sez. Trib., n. 29323, dep. il 14 novembre 2018), la Corte di Cassazione conferma un orientamento, che può dirsi ormai consolidato (cfr., da ultimo, Cass., sez. Trib., n. 12702, dep. il 23 maggio 2018; Cass., sez. Trib., n. 1721, dep. il 24 gennaio 2018), in forza del quale le “giustificazioni” addotte dal contribuente nell’ambito del contraddittorio con l’Amministrazione – nella fattispecie si trattava d’un contraddittorio preventivo e obbligatorio ai sensi della L. n. 146/1998, art. 10, comma 3 bis scaturente dal mero scostamento dalle risultanze degli “studi di settore” – impongono all’Ufficio un onere motivazionale aggiuntivo consistente in una puntuale replica di quelle argomentazioni fino a confutarne la fondatezza.

Nel caso di specie, l’Ufficio si è invece limitato a disattendere le contestazioni sollevate dalla parte ritenute di per sé “poco serie”, senza in alcun modo esplicitare le ragioni di tale affermazione, invero, del tutto apodittica e autoreferenziale; di qui, la ribadita nullità dell’avviso poiché motivato sul rilevato mero scostamento, con conseguente rigetto del ricorso proposto dall’Ufficio.

 

2. La pronuncia, senz’altro condivisibile nel pur sintetico percorso argomentativo, ben ricostruisce il bilanciamento dell’onere probatorio e le possibili preclusioni cui possono incorrere le parti del rapporto tributario fin dalla fase procedimentale, i cui effetti si “ribaltano” nell’eventuale contenzioso successivo all’impugnazione dell’avviso di accertamento.

Così, ribadito che gli studi di settore costituiscono soltanto una presunzione semplice e non certo grave, precisa e [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social